I Figli dei fiori stanno ritornando

0

Negli anni ’70 andava di moda riunirsi la domenica e mettere in vendita o scambiare i propri vestiti, quasi sempre usati. Era l’epoca dei Figli dei fiori, che l’attuale revival sta rispolverando. Le piazze “commerciali” di allora sono diventati i mercatini delle pulci di molte città’ , tappa d’obbligo per turisti di ogni età’ . Tante capitali europee le conservano ancora oggi e mantengono intatto il fascino dei capi venduti. Ciascuno di essi racconta una storia, un’epoca e una moda che oggi, più che mai, è ritornata in voga. Con il vintage tutto è molto , molto diverso. Non hai paragoni , devi rischiare , capire quanto ti sta bene quel capo , quella scarpa , quel  gioiello . Se hai  avuto buon gusto  i complimenti dei tuoi amici saranno assicurati e avrai speso la metà del prezzo di qualsiasi capo analogo attuale.

figli dei fiori

I mercatini vintage

All’interno di queste “esposizioni” di cimeli d’altri tempi trovi migliaia di meraviglie tra le varie bancarelle. Bellissimi divani e tavoli liberty, ma anche capi di pizzo che testimoniano un femminismo oggi soltanto imitato, in malo modo. Si sprecano i giradischi, ancora molto richiesti dai nonni di oggi che sono coloro che nei primi anni ’70 organizzavano delle proteste contro la guerra e a favore dell’amore. Un pretesto per fare festa e trasgredire le regole del buon costume. Ancora oggi i mercatini e i loro frequentatori, sempre più giovani, sono l’occasione per ascoltare delle colonne della musica internazionale come Jimi Hendrix e Miles Davis. La crisi economica mondiale ha fatto riscoprire l’amore per gli anni ’70, ha stimolato la moda vintage e i mercatini dove è possibile fare ottimi affari a prezzi stracciati. Gli occhiali a goccia e i pantaloni a zampa di elefante stanno diventando un must così come i dischi in vinile, ingombranti e pieni di polvere. Gli anni di peace & love stanno tornando. Se li hai già vissuti, sei pronto al dejavù?

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Share

Potrebbe piacerti anche Altri articoli di questo autore

Di' la tua su questo articolo!

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.