Mini guida pratica alla raccolta differenziata

Ormai, fortunatamente, è quasi impossibile trovare una casa dove non venga effettuata la raccolta differenziata. La questione ambientale finalmente, sembra essere cara a tutti, anche ai più pigri, con la conseguente salvaguardia del nostro pianeta.

Una corretta raccolta differenziata permette di riciclare in maniera adeguata gli oggetti che buttiamo, ridargli vita sono una diversa forma ed evitare che i rifiuti siano smaltiti in discariche ed inceneritori. Questo comporta di conseguenza, un grande risparmio delle risorse naturali ed una riduzione consistente delle emissioni dei gas ad effetto serra.

Per tutelare tutto questo processo, è quindi necessario fare una corretta raccolta differenziata assegnando ad ogni oggetto la sua destinazione. Vediamo insieme come dividere in maniera adeguata i vari materiali.

 

Occhio ai simboli

Per una corretta raccolta differenziata, la prima cosa da fare è controllare se sul nostro imballaggio siano presenti dei simboli, i più diffusi sono:

  • Ciclo di Mobius
  • Tidy Man

Ciclo di Mobius

E’ raffigurato da tre freccette piegate che si inseguono ed indica che la confezione è riciclabile. A volte le frecce sono più sottili ed al loro interno hanno dei numeri o delle lettere come ad esempio la lettera I che sta ad indicare che quel prodotto o confezioni sono fatti in PET, un tipo di plastica riciclabile.

Tidy Man

Il disegno dell’omino sul cestino non fornisce indicazioni riguardo la riciclabilità del prodotto ma invita comunque a non disperdere quella confezione nell’ambiente dopo il suo utilizzo.

 

Dove buttare l’olio

E’ assolutamente vietato gettare l’olio alimentare negli scarichi domestici per evitare di creare seri danni ambientali. Per dare nuova vita all’olio usato , bisogna portarlo ai punti di raccolta o nelle postazioni dedicate della propria città.

 

Come riciclare la stoffa

Solitamente, gli abiti usurati vanno buttati nell’indifferenziata a meno che, nel vostro comune di residenza non si effettua la raccolta di abiti e stoffe usurate e inutilizzate. Informatevi sulla questione prima di gettarli nell’indifferenziata.

Dove buttare le mascherine usa e getta

Questa può essere un’informazione davvero molto utile, calcolando che ormai i dispositivi di protezione personale fanno parte della nostra quotidianità. Impariamo a non lasciarle in giro e cerchiamo di sensibilizzare la maggior parte delle persone, il loro smaltimento è molto facile, vanno gettate nell’indifferenziata.

 

Il cartone del latte, questo sconosciuto

Ecco un tasto davvero dolente, sul quale teniamo molto a fare chiarezza: dove si butta il cartone del latte? Bella domanda, purtroppo non c’è una regola fissa. Essendo composto di tre materiali: carta rivestita di plastica all’esterno ed internamente di alluminio, ogni comune ha la sua regola, alcuni impongono di gettarlo nella carta, altri invece nella plastica. Per il Tetra Pack, è molto importante informarsi sulle norme disposte dal proprio comune di residenza.

 

Con questa guida speriamo di aver svelato i misteri più grandi della raccolta differenziata, nel caso aveste ancora qualche dubbio, armatevi di pazienza e documentatevi affinché possiate fare una corretta raccolta differenziata e contribuire alla salute del nostro pianeta.

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.