Dance Dance Dance

0

Anima giovanile nell’ultima raccolta Kitsune: ritmo rock e influenze electro per un risultato tutto dance

Se vesti come un boscaiolo romantico o se gradisci le insalate, prova un po’ Kitsunè vol. 9 in uscita il 26 aprile, è il disco per te!

nt_kitsune-maison-music-electro-paris-junloo-

Rock. La stessa parola. 3 volte. Un verso che è sempre più un personale lascito di Ian Curtis, voce dei Joy Division, poi rientrati nel progetto New Order, dopo la tragica scomparsa del loro leader. E lui sì che ballava. Al ritmo di bassi e chitarre che dialogavano piacevolmente e romanticamente con sintetizzatori ed apparecchiature elettroniche che pian piano sono state sempre più coinvolte nei processi creativi d’ogni genere musicale. Oggi il rock trova sempre più conforto, sostegno ed esaltazione con i prodigi di Logic ed altri programmi di audio editing. Cosi accade che tanti giovani artisti attacchino lo spinotto del basso e  delle tastiere al Mac/pc e dianno sfogo alle proprie energie. È cosi che  grazie a Masaya Kuroki, Patrick Lacey, Gildas Loaec, Benjamin Reichen, Kajsa Stahl and Maki Suzuki vede luce il progetto Kitsunè, un’ etichetta che raccoglie e produce ogni anno e a più riprese i fermenti delle formazioni più giovani. Promiscue, variegate, ultra e pluri-influenzate, rifiutano la logica dei generi e se iniziano strimpellando non se ne fregano affatto di chiudere con piatti e scratch.

Rock oltre. Kitsuné Maison 9 – Petit Bateau edition or The Cotton Issue è il nome dell’ultimo album, il nono partorito dalla  factory francese, in uscita il 26 aprile. Ovviamente, inutile dirlo, per i più curiosi ed ingordi, “san download” vi guarda, vi protegge e vi offre la possibilità di scaricare l’album gratuitamente, ma non legalmente. Per i più casti invece sono disponibili dei minimix su youtube in cui si dà anteprima del prodotto. Rispetto alle precedenti releases questo vol. 9 mantiene alta fedeltà al sound indie-rock, anche se con personalità molto french-house: il funk è dietro l’angolo. Almeno per le prime tracce. E si perché in quelle successive  il beat inizia a galoppare ed a scaldarsi, l’ascoltatore cuffia-munito inizia suo malgrado ad avanzare passi dal ritmo arrembante. La situazione lo incalza e di sorpresa da Belong di Washed out e Cooler Coleur di Crookers si ritrova nel bel mezzo di un electro party firmato Jupiter con Vox Populi e Yuksek con Supermenz (we’re not). Ma adesso basta parlare, parola ai bassi! Ascoltate i brani inseriti nel minimix di presentazione, non vi deluderà.

[Voti: 0   Media: 0/5]
Share

Di' la tua su questo articolo!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.