Come migliorare la longevità degli elettrodomestici

0

Gli elettrodomestici sono, oramai, così parte integrante della nostra vita che, senza nemmeno rendercene conto, li diamo totalmente per scontati.

Nessuno immaginerebbe mai di passare una settimana senza la lavatrice, il frigo, il forno o il piano cottura a disposizione h24. Ed è proprio per questo che, nel malaugurato caso si rivelino dei guasti, dei problemi o dei malfunzionamenti, siamo capaci di piombare letteralmente nel panico, assaliti dall’ansia procurata da pile di panni che si accumulano, cibi impossibili da cuocere o da mille altri impedimenti a cui non siamo più per niente abituati, in questo millennio moderno ed ipertecnologico.

Sebbene anche il miglior elettrodomestico al mondo, forgiato nei materiali più duraturi dai brand migliori attualmente disponibili sul mercato, possa, ovviamente, incorrere in piccoli imprevisti assolutamente risolvibili, ecco un mini vademecum che vi insegnerà come migliorare la longevità dei vostri dispositivi preferiti.

#1. Pulizia

Può sembrare scontato, ma la prima cosa da non tralasciare, quando si parla di elettrodomestici, è la pulizia, anche e soprattutto quella approfondita.

Si tratta di macchinari che, nella stragrande maggioranza dei casi, lavorano ad altissime e/o bassissime temperature, che stanno continuamente a contatto con acqua, ghiaccio, grassi, unti e impurità, costantemente con la presa di corrente inserita. Va da sé che assicurarsi che tutto sia sempre pulito, in ordine e al meglio della “presenza” in casa è già un ottimo escamotage per mantenere performance sempre alte e scacciare l’ipotesi di accumuli di sporco che possano, poi, degenerare e compromettere anche alcune funzionalità.

Come anticipato, anche una regolare sessione di pulizia approfondita può fare la differenza, smontando le parti immediatamente visibili dei vari dispositivi e pulendole in ogni minimo dettaglio – connettori, viti e perimetri inclusi – con detergenti specifici (o anche semplicemente alcol) per un risultato finale a prova anche di igiene e di estetica (che non è certo un male!).

#2. Manutenzione

La cura che passa attraverso una corretta ed ordinaria manutenzione è importantissima.

Il frigo, ad esempio, va pulito approfonditamente (in ogni ripiano e cassettone) almeno una volta all’anno e sbrinato ogni sei mesi, mentre la lavatrice andrebbe liberata dal calcare con prodotti specifici e igienizzata con lavaggi a vuoto ad alta temperatura.

Operazioni del genere, ma differenziate da elettrodomestico a elettrodomestico, sono previste in tutti i casi, dalle scope elettriche ai forni a microonde: per andare sul sicuro sui detergenti da impiegare e le tempistiche consigliate, basta dare uno sguardo ai relativi libretti di istruzioni.

#3. Assistenza e riparazione

Qualora si verificassero degli imprevisti, mantenete la calma: la prima regola per evitare che piccoli problemi si trasformino in guasti irrimediabili, infatti, è correre al telefono e consultare un tecnico specializzato!

Molti, lo sappiamo, sono bloccati dalla “paura da budget”: ma, d’altro canto, non agire tempestivamente significa correre il rischio di finire per dover acquistare un dispositivo nuovo, sobbarcandosi una spesa ben superiore o, addirittura, mettendosi sulle spalle una piccola rata che andrebbe a inficiare sull’economia domestica mensile!
Perché, quindi, non assicurarsi che tutto possa essere risolto in maniera più economica e quasi indolore, magari riferendosi ad un centro assistenza e riparazione elettrodomestici che invii degli incaricati a domicilio?

 

Insomma, quando si tratta di dispositivi domestici, prevenire è d’obbligo, ma anche intervenire per “curare” è possibile: in questo modo, gli elettrodomestici diventano potenzialmente eterni. D’altro canto, quanti di noi hanno ancora in casa dei prodotti quasi “vintage”, provenienti magari dagli anni ’80, eppure ancora perfettamente funzionanti?
Un acquisto oneroso come questo, infatti, può diventare nel tempo un vero e proprio investimento!

 

 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Share

Potrebbe piacerti anche Altri articoli di questo autore

Di' la tua su questo articolo!

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.