43 audaci pose

0

Ciò che era sembrato ad alcuni come troppo pericoloso o difficile da realizzare, è diventata la mia fantasia compiuta e la mia più memorabile fotografia. 43 Audaci pose fuori ai balconi di un vecchio edificio poco prima della sua demolizione. Lo scatto che lanciò Ormond Gigli.

Senza-titolo-1

Girls-620x620New York, 1960. L’edificio è quello sulla East 58th Street, il solito. Quello che da sempre sta di fronte al suo studio. “Mentre una ditta di costruzioni smantellava una fila di case in mattoni proprio di fronte al mio studio sulla East 58th Street, mi è venuta l’ispirazione ad immortalare in qualche modo quegli edifici. Ho avuto la visione di 43 donne in abito formale che adornavano le finestre della facciata scheletrica”. Ottenuti i permessi necessari, Ormond Gigli si è occupato del casting che avrebbe compreso vip, la moglie del supervisore alla demolizione (terzo piano, terza da sinistra), la sua stessa moglie (secondo piano, a destra), e noleggiare la Rolls Royce che sarebbe stata  parcheggiata sul marciapiede, in primo piano. “Un’attenta pianificazione è stata una necessità, come la fotografia doveva essere compiuta durante la pausa pranzo dei lavoratori” – aggiunge il fotografo. “Il giorno prima che gli edifici furono rasi al suolo, le 43 donne apparvero nei loro abiti migliori, sono entrate nell’edificio, salirono le vecchie scale e presero posto nelle finestre. Certo che ero preoccupato per la sicurezza delle modelle, come alcuni erano abbastanza audaci per posare sui fatiscenti davanzali “. La fotografia è venuta fuori come Gigli l’aveva concepita. “Ciò che era sembrato ad alcuni come troppo pericoloso o difficile da realizzare, è diventata la mia fantasia compiuta e la mia più memorabile fotografia”. Durante gli anni ’70 e ’80 Gigli si rivolse alla fotografia pubblicitaria, pur continuando il suo lavoro editoriale. I suoi incarichi lo hanno portato in giro per il mondo. Oggi, le sue fotografie appaiono in gallerie di spicco di tutto il mondo.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Share

Potrebbe piacerti anche Altri articoli di questo autore

Di' la tua su questo articolo!

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.